BEFANATA DI BENEFICENZA – TEATRO ROSSI-CAMPAGNATICO

DOMENICA 5 GENNAIO 2020
Una sede storica e suggestiva, il Teatro Rossi di Campagnatico, ha ospitato, il 5 gennaio, la seconda edizione della “Befanata”, il significativo Interclub, nato da una idea di Andrea Amerighi e di Marco Bisdomini, del E Club de France International, Bordeaux, con lo scopo di contribuire alla raccolta fondi per l’annuale progetto InterHabile.
Per i tre Club interessati, Marco Bisdomini, Claudio Camilloni, Presidente del Rotary Club di Grosseto e Nunzia Costantini, nostro Presidente Incoming, in rappresentanza del Presidente Fernando Andreini, hanno portato il loro saluto e ringraziamento al folto pubblico presente, ricordando lo scopo benefico dell’iniziativa.
Il Sindaco di Campagnatico, Luca Grisanti, onorato di ospitare l’evento in un luogo di valore storico per il suo Comune, come il Teatro Rossi, ha manifestato la propria soddisfazione e emozione per la numerosa partecipazione. È toccato poi a Claudio Camilloni soffermarsi sull’importanza dell’InterHabile, progetto Interclub, che dà la possibilità, ogni anno, ad un certo numero di adolescenti abili e diversamente abili, di vivere una settimana all’aria aperta, ospiti del Casale del WWF della Giannella, tra mare, spiaggia, visite guidate, escursioni, attività culturali e sportive, musica e intrattenimenti vari, nel segno dell’amicizia e dell’integrazione.
Dopo i saluti, ha avuto inizio la serata vera e propria con il concerto “Verso l’oriente, canti, musiche, storie e racconti tra le due sponde del mare, tra il serio e il faceto” del maestro Aleksandar Sasha Karlic, musicista, musicologo, docente e compositore, che ha voluto dedicare lo spettacolo ai bambini di tutto il mondo. Il maestro ci ha offerto una esibizione divertente, a tratti coinvolgente e appassionata, nel corso della quale abbiamo potuto ascoltare brani di musica antica e popolare della tradizione balcanica, turca e della scuola dei trovatori.
Nutriti e sentiti gli applausi.
È seguita la ricca tombolata, piacevolmente condotta, come solo lui sa fare, da Bruno Nocera. Molti i premi in palio offerti da produttori, commercianti della zona, soci e amici. Il pomeriggio si è concluso con una squisita degustazione enogastronomica a cura di “Antichi Gusti di Maremma”.
Al termine della serata è stato possibile ricavare, al netto delle spese, 625 euro, che saranno interamente devoluti al programma InterHabile.
Vale la pena di spendere due parole su Campagnatico e sul Teatro Rossi che ci ha ospitato: Campagnatico è una cittadina storica, conosciuta sin dai tempi di Dante. Dominio degli Aldobrandeschi, passò sotto il comune di Siena nel 1259, a seguito dell’uccisione di Omberto Aldobrandeschi, ricordata dall’Alighieri nel Purgatorio, Canto XI. Nel presentarsi a Dante così Omberto indica le ragioni della sua morte: ogni uomo ebbi in dispetto tanto avante, ch’io ne morii come sanno i Senesi, e sallo in Campagnatico ogni fante”.
Il locale del Teatro Rossi oggi è ricompreso nella ex Chiesa di Sant’Antonio, eretta nel XII secolo e trasformata, dopo essere stata sconsacrata, in teatro tra il 1865 e il 1870. Dopo alterne vicende e usi vari, il luogo è divenuto possedimento comunale e adibito a sala per feste e riunioni. Al suo interno sono custoditi preziosi affreschi, risalenti alla fine del XIV e agli inizi del XV secolo, attribuibili, come ha ricordato il Sindaco di Campagnatico, a Meo di Pero e a Cristoforo di Bindoccio.

I commenti sono chiusi